Bono IacobusIn origine, la Via de la Plata (antica via di comunicazione romana che attraversa parte dell'area ovest della Spagna da nord a sud, da Mérida a Astorga) era stata utilizzata durante l'epoca romana per comunicare il sud con il nord-ovest della penisola. Alcune interpretazioni ritengono che il termine “Via de la Plata”  deriva del senso etimologico originale arabo Bal'latta, con il quale i musulmani chiamarono quella via pubblica acciottolata che si dirigeva verso il nord cristiano. Altri lo associano all'uso che si faceva di questa via, il commercio dell'argento americano che arrivava ai moli di Siviglia. Fu anche l'itinerario di espansione del regno medievale di Galizia- León verso il sud.

La Via de la Plata (antica via di comunicazione romana che attraversa parte dell'area ovest della Spagna da nord a sud, da Mérida a Astorga), conosciuta anche come Cammino del Sud-Est, ha origine in Andalusia e in Estremadura. Esistono diverse alternative a questa strada nel territorio galiziano, proposte dal Bono Iacobus, quella che collega VerínSantiago de Compostela. Il viaggiatore potrà godere durante il suo itinerario in Galizia di un paesaggio naturale incantato, pieno di ponti medievali, chiese ancestrali e pazos (palazzi signorili tipici galiziani).

1º Giorno

Verín – Inizio

O Retiro do Conde

Monterrei / Inizio

Ai piedi dell'impetuosa fortezza medievale di Monterrei, appare la località di Vilaza, dove troveremo questo splendido pazo restaurato del XVII secolo, che conserva il sapore antico, senza rinunciare alle comodità più moderne richieste dal turismo d'alta qualità.

2º Giorno

Verín / Xinzo de Limia – Tappa 1 (34.7 Km)

Il viandante arriva a Verín, crocevia di cammini giacobei e punto d'incontro anche per i viaggiatori che arrivano dal Portogallo. In questo paesino potrete ammirare alcuni dei "pazos" urbani di maggior interesse, come ad esempio A Casa do Asistente, attualmente alloggio di pellegrini. Il percorso parte dalla località di Albarellos, nel comune di Monterrei, vicino al suo castello medievale. Passa da Guimarei, Rebordondo e Pena Verde. Prosegue attraverso Viladerrei e Zos, per arrivare infine a Xinzo de Limia, ultimo paesino di questo pezzo in cui il viandante potrà visitare la chiesa romanica di Santa María de Xinzo.

Rectoral de Candás

Rairiz de Veiga / Tappa 1

Antica casa rettorale del XIII secolo, dove il tempo trascorre tranquillo, circondata da prati, campi e boschi centenari di castani, querce, betulle ed ontani.

3º Giorno

Xinzo de Limia / Augas Santas – Tappa 2 (27.6 Km)

Da Xinzo de Limia il cammino passa da Vilariño das Poldras, Couso da Limia, Vilar de Sandiás e Piñeira de Arcos. Ci si addentra ormai nel comune di Allariz, dopo aver superato Coedo, e si arriva a O San Salvador dos Penedos, che conserva all'interno della sua chiesa un'interessante intaglio romanico di un Cristo crocifisso. Lasciandosi alle spalle O San Salvador, il viandante arriva ad Allariz, un paesino in cui spiccano i templi romanici ed il convento di Santa Chiara con il suo museo. Il percorso si conclude a Santa Mariña de Augas Santas, destinazione finale di questa seconda tappa.

Casa das Augas Santas

Allariz / Tappa 2

Situata nel complesso storico di Santa Mariña de Augas Santas, sorge questa splendida casa fattoria in cui è possibile godere del silenzio e della magia che circonda il complesso etnografico: fortificazioni, petroglifi, resti romani...

4º Giorno

Augas Santas / San Paio de Bóveda – Tappa 3 (24,5 Km)

Una volta abbandonata Santa Mariña de Augas Santas, la seguente località cui giungerà è Armeá, dove può visitarsi l’enigmatica costruzione templare tradizionalmente denominata “Forno da Santa”, per poi continuare per As Pereiras, Ponte Noalla e San Breixo de Seixalbo, in cui potrà ammirare il crocifisso in pietra, la cappella medievale e la chiesa barocca. Quando il viandante riprende il suo cammino, continuerà il percorso verso Ourense, capoluogo di provincia in cui è imprescindibile far visita alla cattedrale romanica e recarsi alla fonte di acque termali di As Burgas. Una volta uscito da Ourense, il dovrà solo attraversare Cudeiro e Sartédigos per arrivare alla fine di questa tappa, San Paio de Bóveda.

Perfil

Casarellos
Coles / Tappa 3

Casarellos Il complesso di edificazioni in pietra dall'architettura tradizionale che ricrea uno degli ambienti più suggestivi della società rustica galiziana (casa principale, case secondarie, forno e granaio con più di 100 anni d'antichità).

5º Giorno

San Paio de Bóveda / Carballeda – Tappa 4 (20.6 Km)

La seguente tappa parte da San Paio de Bóveda e prosegue per Tamallancos e Sobreira. Qui, il viandante, allontanandosi un po' dal percorso, potrà visitare la fortezza di Vilamarín. Una volta ripreso il cammino, si attraversa Faramontaos, Biduedo e As Casas Novas per arrivare poco dopo a San Cristovo de Cea, famoso per il suo pane. Lì vicino si potrà visitare la chiesa romanica di San Facundo, del XIII secolo, e continuando si lascerà alle spalle Cotelas, arrivando così all'ultima destinazione di questa tappa, Carballeda.

Casarellos

Piñor / Tappa 4

Il complesso di edificazioni in pietra dall'architettura tradizionale che ricrea uno degli ambienti più suggestivi della società rustica galiziana (casa principale, case secondarie, forno e granaio con più di 100 anni d'antichità).

6º Giorno

Carballeda / Bendoiro – Tappa 5 (26,5 Km)

Partendo da Carballeda, il viandante potrà dirigersi verso il convento di Oseira, in cui si fondono all'interno della sua architettura gli stili romanico, barocco e rinascimentale. Dal convento, il viandante riprende il cammino verso Castro de Dozón, in cui potrà ammirare da vicino, nella località di Mosteiro, la chiesa di San Pedro de Vilanova de Dozón, del XII secolo. Una volta ripreso il cammino e giunti ad Alto de San Domingos, si potrà effettuare una sosta per visitarne la chiesa. Proseguendo il percorso si attraverseranno A Xesta, Botos, Donsión ed infine, Bendoiro, conclusione di questa tappa.

Casa Goris

Vila de Cruces / Tappa 5

Dopo 200 anni, conserva ancora legni di quercia e castagni originali, il focolaio tipico di un pazo, pareti con più di un metro di spessore che nascondono scale segrete…

7º Giorno

Bendoiro / Dornelas – Tappa 6 (20.1 Km)

Una volta abbandonato Bendoiro, il pellegrino prosegue il suo percorso in una parte di cammino ricca di paesaggi naturali ed architettura, dato che da Silleda troverà uno svincolo che porta al convento di Carboeiro o alla spettacolare cascata del fiume Toxa. Una volta tornato sul percorso naturale di questo cammino, si proseguirà fino a Negreiros, Chapa e alla relativa chiesa di San Cibrao, Bandeira ed infine si arriverà a Dornelas, conclusione di questa parte del viaggio.

A Casa da Botica

A Estrada / Tappa 6

Prende il nome agli inizi del secolo scorso, quando vi si stabilisce una delle prime farmacie della zona. Restaurata nel 2004, conserva ancora il cortile recintato, il granaio e le piante centenarie. Potrete passeggiare per gli ampli e meravigliosi giardini, riposare accanto al grande focolaio e assaporare l'eccellente cucina galiziana.

8º Giorno

Dornelas / Santiago – Tappa 7 (30.2 Km)

Partendo da Dornelas, il viandante si dirige verso Santa María de Loimil. Poi, il percorso attraversa Ponte Ulla entrando nella provincia di A Coruña. Il pellegrino prosegue dunque per Francés e a Lestedo, nel comune di Boqueixón, contemplerà il Pico Sacro per poi arrivare a Santiago. Entrerà al fianco della Colegiata de Sar e proseguirà attraverso la Porta de Mazarelos, Caldeirería e Costa de Xelmírez, per poi concludere questo itinerario del Bono Iacobus nella Praza das Praterías e raggiungere finalmente la Cattedrale di Santiago di Compostela.

Prezzo

La rotta è di 184 chilometri che con l'Abbonamento Iacobus si completa in 7 giorni. Alla fine di ogni tappa il viaggiatore è atteso da un'automobile e portato ad un vicino agriturismo in cui potrà pernottare, dopo una meritata cena casereccia preparata con prodotti della zona.

La mattina seguente, dopo una buona colazione, il viaggiatore sarà portato nuovamente in automobile all'inizio delle tappa successiva.

Servizi facoltativi:

  • Picnic per la tappa del giorno.
  • Trasporto in taxi del bagaglio.

Prezzo con cena e prima colazione compresi:

  • 1 Persona (camera singola) 630 € (IVA inclusa)
  • 2 Personas (camera doppia) 940 € (IVA inclusa)

L'ABBONAMENTO IACOBUS può essere acquistato durante tutto l'anno tranne in agosto e la Settimana di Pasqua, individuale, in coppia o per gruppi.
Per ulteriori informazioni riguardanti l'ABBONAMENTO IACOBUS si può telefonare al (+34) 902 200 432 o inviare una e-mail a: cir.turgalicia@xunta.es
Con l'ABBONAMENTO IACOBUS dovrai soltanto camminare e sentire, perché il riposo è garantito.

(*) La vendita si effettua tramite agenzie di viaggio legalmente autorizzate.

Come arrivare a Verín

  • Trasferimento Santiago – Verín in autobus con frequenza da lunedì a venerdì con orario unico e una durata di circa tre ore.
  • Orario: Da lunedì a venerdì: 16:00
  • Opzione:Trasferimento Santiago – Ourense e Ourense - Verín in autobus con frequenza giornaliera in orari diversi (consultare web).
  • Compagnia di autobus: MONBUS – Tel.: +34 902 292 900 -Web: www.monbus.es
  • Stazione di Autobus di Santiago: C/ San Caetano, s/n – Tel: +34 981 542 416 - Web: www.tussa.org

* L'informazione sui giorni operativi, orari e durata degli spostamenti è ORIENTATIVA e deve essere confermata dalla compagnia fornitrice del servizio.

Xunta de Galicia

© 2019 Turismo de Galicia | Tutti i diritti riservati
Avviso legale | Contacto | Accesibilidade

Galicia
Arriba