ItinerarionomeKmdifficoltà
R1Ruta das CARBALLEIRAS13 kmDificultade azúl
R2Ruta de VALMEDO21 kmDificultade vermella
R3Conexión RIÓS-BARXA28,7 kmDificultade vermella
R4Ruta de PENA MASEIRA44 kmDificultade negra
R5Ruta dos TRES REINOS23,3 kmDificultade vermella
R6Ruta Os CASTROS22,4 kmDificultade azul
R7Conexión A GUDIÑA-ENTRECINSA19,3 kmDificultade negra
R8Ruta do VAL DO RÍO CONSO18,9 kmDificultade vermella
R9Ruta do ENCORO DO VAO7,8 kmDificultade azul
R10Conexión VILARIÑO DE CONSO-VIANA DO BOLO16 kmDificultade vermella
R11Ruta AS TELLEIRAS12 kmDificultade azul
R12Ruta A ESCRITA17,8 kmDificultade vermella

 

I dati dei diversi itinerari si possono visualizzare sul computer e sul GPS mediante i file GPX e KMZ. Le coordinate GPX sono file di scambio di dati tra GPS ed è necessario un programma adattato al proprio GPS per poterli importare. Le coordinate KMZ sono file con dati geografici che si possono visualizzare solo con il programma gratuito Google Earth.

 

R1 - Ruta das Carballeiras

R1

Itinerario circolare attorno al Centro di interpretazione della castagna, che in passato era la casa parrocchiale di Trasestrada.

L’itinerario parte dal Centro de Interpretación da Castaña nella località di A Eirexa (Trasestrada), vecchia casa parrocchiale ristrutturata e punto informazioni del centro MTB, che ospita anche una completa mostra sulla castagna, protagonista della gastronomia della zona, dell’attività economica della località e del paesaggio di questo percorso. Appena si inizia a percorrere l’itinerario, ecco la chiesa parrocchiale di Santo Estevo; da qui in poi vi sono tratti di strada provinciale alternati a piste forestali che portano a San Cristovo, per poi proseguire fino a Riós su un sentiro tra campi coltivati e boschi di castagno. Arrivati al comune di Riós, si può visitare la chiesa parrocchiale di Santa María, in stile barocco. Dal centro di Riós, su un tratto condiviso con l’itinerario 2, “Ruta de Valmedo”, si prosegue in direzione nord su uno sterrato che porta ad As Vendas da Barreira, dove ci si può fermare per visitare la cappella di San Mauro e la fonte battesimale situata all’esterno dell’edificio. Lasciando il paesino, si percorrono alcuni chilometri del Cammino di Santiago sudorientale (Vía de la Plata), per poi allontanarsene nel bosco che prende il nome di As Mallas, proseguire verso Domiz e ritornare al punto di partenza dell’itinerario.

PartenzaCentro de Interpretación da Castaña (Riós).
X= 41º59.901´N Y= 007º18.671´ W
 altezza massimadis. accum. positivodifficoltàcollegamenti
889324 mDificultade fácil2,3
ArrivoCentro de Interpretación da Castaña (Riós).m
X= 41º59.901´N Y= 007º18.671´ W
altezza minima pendenza massimadistanzatempo indiceIBP
75415,9%13 km1 h 30´36

R2 - Ruta de Valmedo

R2

Un’opportunità per visitare l’area nei pressi di Concello de Riós condividendo vari tratti del Cammino di Santiago sudorientale (Vía de la Plata)

Partendo da Riós, questo itinerario coincide, nel tratto iniziale, con l’itinerario 1, “Ruta das Carballeiras”, fino al villaggio di As Vendas da Barreira. In questo primo tratto si dovranno percorrere con precauzione circa 150 m di strada statale fino al bivio per Trancoso e As Porqueiras. Si passa attraverso un fitto bosco di roveri pedalando in compagnia del fiume Mente, per poi imboccare una pista forestale che porta all’eremo Virxe dos Remedios. Dal sentiero si contempla il panorama che ci regala la Sierra di A Urdiñeira, uno spazio di grande valore archeologico e naturale. L’itinerario prosegue verso una località chiamata Os Caborcos dos Infernos, dove comincia una rapida discesa fino a incrociare nuovamente il fiume Mente. Dopo essere passati sotto due sorprendenti viadotti, si giunge al nucleo di Atallo do Mente. Si attraversa il fiume e, parallelamente alla superstrada, si arriva a  O Navallo per visitare la chiesa di San Vicente. Da questo punto l’itinerario volge verso le zone di O Fragoso e O Cabezo, per condividere parte del tracciato del Cammino di Santiago sudorientale (Vía de la Plata) e ritornare a Riós.

ruta de VALMEDO
PartenzaCentro de Salud (Riós)
X= 41ª58.542´N Y= 007º16.921¨W
 altezza massimadis. accum. positivodifficoltàcollegamenti
876697 mDificultade dificil 1
ArrivoCentro de Salud (Riós)
X= 41ª58.542´N Y= 007º16.921¨W
altezza minimapendenza massima.distanzatempo indiceIBP
66417 %21 k m2 h 30´93

 

R3 - Conexión Riós-Barxa

R3

Un itinerario impegnativo per ciclisti esperti, con grandi dislivelli e zone tecniche, che attraversa la valle del fiume Marcelín fino ad arrivare al villaggio di Barxa.

Da Riós, questo percorso attraversa la valle del fiume Marcelín fino al villaggio di Santa Baia, proseguendo verso la località di San Paio, dove inizia una piccola salita per Castrelo de Abaixo. Questo spazio frontaliero, ove si uniscono i fiumi Mente e Arzoá, nei pressi del Parco naturale di Montesinho (Portogallo) e nel cuore di Trambolosríos, possiede un grande valore ecologico di influenza mediterranea con specie uniche in Galizia. A Castrelo de Abaixo il sentiero inizia a discendere fino ad arrivare ad A Veiga do Seixo, e si pedala parallelamente al limite frontaliero. Dopo aver attraversato il fiume Mente ad A Ponte de Veiga, inizia una salita abbastanza tecnica che ricompenserà il ciclista con una rapida discesa fino ad As Forcadas e al belvedere naturale della Curva do Cepillo. Da qui si può contemplare un panorama meraviglioso della frontiera con il Portogallo, di Pena Maseira e, sullo sfondo, Barxa, meta finale di questo itinerario. A Barxa da non perdere la visita alla cappella di San Xoán e ai “Muíños de Cachón”.

PartenzaCentro de Salud (Riós)
X= 41ª58.542´N Y= 007º16.921´W
 altezza massimadis. accum. positivodifficoltàcollegamenti
8391003 mDificultade dificil 4
ArrivoBarxa (A Gudiña)
X= 41º59.571´N Y= 007º10.593´W
altezza minimapendenza massima.distanzatempo indiceIBP
58321,4 %28,7 km3 h122

 

R4 - Ruta de Pena Maseira

R4

È l’itinerario più impegnativo e duro del Centro MTB che attraversa la zona circostante di A Gudiña passando per Pena Maseira. La visita al vicino Concello de A Mezquita permette di collegarsi agli itinerari 5 e 6.

Questo lungo itinerario circolare mostra la biodiversità della zona di A Gudiña attraverso un corridoio naturale che passa per Pena Maseira, tra il Massiccio Centrale della provincia di Orense e il Parco naturale di Montesinho,in Portogallo. Già dai primi chilometri l’itinerario volge verso la spiaggia fluviale di A Ribeira, per proseguire su terreno piano, tra castagni, fino al villaggio di Pentes, dove si verrà sorpresi dalla presenza di un castagno centenario di grandi dimensioni. Si proseguirà attraverso la valle e si imboccherà uno svincolo fuori itinerario, all’altezza di Covelas, che porterà a Monte furado, una perforazione sulla falda della montagna per deviare il fiume Pentes, vicino a delle vecchie miniere di wolframio e al “Muíño das Canteiras”. A Barxa, in direzione della zona chiamata Os Covatos, si attraversa il fiume San Lourenzo su un passaggio fatto di pietre che obbligherà i ciclisti a scendere dalla bici. Nei pressi di Pena Maseira, ad As Salgueiras, si può godere di uno spazio vergine di pascoli e boschi autoctoni. Dopo essere giunti al comune di A Mezquita, il tracciato si unisce all’itinerario 5, “Ruta dos Castros”, fino a O Pereiro, per poi separarsi di nuovo. Dopo essere passati per un tratto del Cammino di Santiago sudorientale (Vía de la Plata) fino a O Canizo, si ritorna ad A Gudiña su una pista parallela alla strada statale.

PartenzaCasa da Viúva (A Gudiña)
X= 42º 03.634´N Y= 007º08.433´ W
 altezza massimadis. accum. positivodifficoltàcollegamenti
1078997 mDificultade moi dificil 5,6
ArrivaCasa da Viúva (A Gudiña)
X= 42º 03.634´N Y= 007º08.433´ W
altezza minimapendenza massima.distanzatempo indiceIBP
63720,6 %44 km4 h 45´ 115

R5 - Ruta dos Tres Reinos

R5

Questo itinerario circolare che parte dal Concello de A Mezquita offre l’opportunità di visitare il Penedo dos Tres Reinos, limite frontalietro tra la Galizia, il Portogallo e la Castiglia-León.

Questo itinerario permette di visitare il Penedo dos Tres Reinos, un rilievo montagnoso che indica il limite frontaliero tra la Galizia, il Portogallo e la Castiglia-León. È anche conosciuto come luogo di passaggio della Ruta de la Pana (Rotta del fustagno), un percorso usato dai contrabbandieri che portavano questa materia prima tessile dal Portogallo alla località A Rúa, da cui partiva il treno carico per Barcellona, dove si manifatturava e si esportava nel Regno Unito. Lungo i primi chilometri del percorso si consiglia di fermarsi a Chaguazoso per visitarne la chiesa. A poco più di due chilometri dal nucleo di Manzalvos troviamo una deviazione dall’itinerario per il Penedo dos Tres Reinos. Si riprende quindi l’itinerario e si attraversa Cádavos, si prosegue in direzione Santigoso condividendo l’ultimo tratto che porta ad A Mezquita con l’itinerario 6, “Ruta Os Castros”

PartenzaCasa do Concello (A Mezquita)
x= 42º02.245´N Y= 007ª00.877´ W
 altezza massimadis. accum. positivodifficoltàcollegamenti
1042475 mDificultade dificil 6
ArrivoCasa do Concello (A Mezquita)
x= 42º02.245´N Y= 007ª00.877´ W
altezza minimapendenza massima.distanzatempo indiceIBP
94711,7 %23,3 km2 h 30´39

R6 - Ruta Os Castros

R6

Unico itinerario di Vilavella che permette di visitare l’Alto de A Canda, confinante con la Castiglia-León, e l’Alto do Castelo.

Il primo tratto di questo tracciato ciclistico sale verso Portela da Canda, limite tra le province di Zamora e Orense. Una deviazione dall’itinerario ci porta all’Alto do Castelo, da cui è possibile contemplare un bel panorama dai resti di un antico castro (insediamento fortificato di origine celtica) non scavato. Dopo il collegamento con l’itinerario 5, “Ruta dos Tres Reinos”, si continua a scendere verso il villaggio di Santigoso, dove si consiglia di visitare la chiesa di San Simón. Molto vicino ad A Mezquita ci si può collegare all’itinerario 4, “Ruta de Pena Maseira”, in direzione A Gudiña, o proseguire sul percorso originale dell’itinerario 6 lungo uno sterrato in direzione nord per O Pereiro. Uscendo da questa località, bisognerà prendere la deviazione su un sentiero a destra parallelo al fiume Pereiro, il quale riporta il ciclista alla chiesa di A Vilavella.

PartenzaChiesa di A Vilavella.
x= 42º00.794´N Y=007º02.717´ W
 altezza massimadis. accum. positivodifficoltàcollegamenti
1342759 mDificultade dificil 4,5
ArrivoChiesa di A Vilavella.
x= 42º00.794´N Y=007º02.717´ W
altezza minimapendenza massima.distanza tempo indiceIBP
94122,7 %22,4 km 2 h 30´  97

R7 - Conexión A Gudiña-Entrecinsa

R7

L’itinerario collega i due nuclei del Centro MTBattraversando il bacino di As Portas.

Ecco un percorso magnifico per il ciclista, con una certa difficoltà tecnica a causa dei dislivelli su alcuni tratti, ma che lo ricompenserà per lo sforzo con alcune delle migliori viste panoramiche sul Parco naturale di O Invernadeiro e sul bacino di As Portas. Dopo aver lasciato il centro urbano di A Gudiña, passando per la strada che porta a Val da Porca, si imbocca una pista forestale in direzione A Venda do Espiño per poi proseguire verso Carracedo da Serra. Dopo essere saliti sull’Alto das Portas, si consiglia di fare una breve sosta per recuperare le forze e contemplare il panorama da questo belvedere naturale prima di cominciare la spettacolare discesa che termina proprio alla base del bacino. Una breve salita dalla strada che collega A Gudiña a Vilariño de Conso permette al ciclista di raggiungere il villaggio di Casarellos, punto in cui termina il collegamento. Da qui, l’alternativa più consigliata è quella di seguire le indicazioni dell’itinerario 8, “Ruta Val do Río Conso”, per scendere verso Entrecinsa. Gli ultimi chilometri si percorrono attraversando il Camiño da Veiga Cibeira, parallelo al fiume Conso, fino a raggiungere la Casa do Concello di Vilariño de Conso.

PartenzaCasa da Viúva (A Gudiña)
X= 42º 03.634´N Y= 007º08.433´W
 altezza massimadis. accum. positivodifficoltàcollegamenti
1116601 mDificultade moi dificil 8
ArrivoCasarellos. Entrecinsa (Vilariño de Conso)
X= 42ª07.665´N Y= 007º12.335´W
altezza minimapendenza massima.distanzatempo indiceIBP
77714,4 %19,3 km2 h 30´ 68

R8 - Ruta do Val do Río Conso

R8

Itinerario circolare di grande bellezza con visita obbligata al pittoresco paesino di Hedrada.

Magnifico itinerario che percorre la valle del fiume Conso e che combina alla perfezione la passione per la bicicletta da montagna con il piacere di scoprire un paesaggio vergine e autoctono. Dopo essere giunti al villaggio di Soutelo ed essere scesi, passando per un bosco di castagni, fino alla sponda del fiume Pentes, si arriva al villaggio di Soutogrande. Questo luogo spicca per la presenza del Castiñeiro da Corredoira, uno dei più grandi castagni della Galizia. A Sabuguido bisogna assolutamente visitare la chiesa di Santa María, uno dei migliori esempi architettonici del territorio. Percorrendo un vecchio selciato che occupa una parte del sentiero chiamato  “Ruta de Sabuguido”, all’altezza del bacino di Hedrada, c’è l’indicazione fuori itinerario che porta al villaggio dallo stesso nome. Questo pittoresco villaggio, da vedere, vanta vari luoghi di interesse quali la cappella di San Xoán e la cascata di Hedrada. All’altezza del bacino, l’itinerario prosegue su una strada poco transitata in direzione Casarellos che porta a Entrecinsa, dove, parallelamente al fiume Conso, si percorrono gli ultimi chilometri per ritornare a Vilariño de Conso.

PartenzaCasa do Concello (Vilariño de Conso)
X= 42º09.985´N Y= 007º10.933´W
 altezza massimadis. accum. positivodifficoltàcollegamenti
956787 mDificultade moi dificil senza collegamenti
ArrivoCasa do Concello (Vilariño de Conso)
X= 42º09.985´N Y= 007º10.933´W
altezza minimapendenza massimadistanciatempo indice IBP
66124,4 %18,9 km2 h90

R9 - Ruta do Encoro do Vao

R9

È l’itinerario più breve del Centro MTB, molto semplice e adatto a tutti i livelli, che gira attorno a Encoro do Vao dal Concello de Vilariño de Conso.

Qui il bacino di O Vao è il protagonista e tutti gli appassionati della MTB possono godere di un percorso variato la cui unica difficoltà consiste nella salita al villaggio di Conso su una pista di cemento. Il sentiero, omologato dal P.R.G -118 come “Ruta dos Soutos”,è stato in parte sfruttato per la definizione di questo itinerario, per cui sarà necessario stare attenti alla presenza di escursionisti e rispettare le norme di circolazione. Nel villaggio di Conso si trova il Pazo de Conso, esempio delle tradizionali case signorili galiziane. Da questo punto si procede in direzione A Vesada per attraversare il bacino di O Vao dal ponte di Santa Mariña. In questa intersezione si possono seguire le indicazioni dell’itinerario 10 per il collegamento con Viana do Bolo o ritornare a Vilariño de Conso facendo un’ultima sosta obbligata sulla spiaggia fluviale del fiume Cenza, molto vicino alla fine dell’itinerario.

PartenzaCasa do Concello (Vilariño de Conso)
X= 42º09.985´N Y= 007º10.933´W
 altezza massimadis. accum. positivodifficoltàcollegamenti
772244 mDificultade facil 10
ArrivoCasa do Concello (Vilariño de Conso)
X= 42º09.985´N Y= 007º10.933´W
pendenza massimapendiente máx.distanzatempo indiceIBP
65121,7 %7,8 km1 h 29

R10 - Conexión Vilariño de Conso-Viana do Bolo

R10

Itinerario che percorre da sud a nord una parte dell’Encoro do Vao per collegarsi ai “concellos” (comuni) di Vilariño de Conso e Viana do Bolo.

Un percorso spettacolare che condivide i primi chilometri con l’itinerario 9, “Ruta Encoro do Vao”, pedalando sulle due rive di questo bacino che bagna il territorio conosciuto con il nome di “Terras do Bolo”. Dopo aver attraversato il ponte di Santa Mariña, questo itinerario prosegue in direzione nord fino ad arrivare a O Lombo e a O Campo Vello. A Quintela do Pando si può visitare la chiesa di Santa Isabel e ammirare il panorama dall’Alto da Chavea. Passato il ponte che unisce le località di Vilariño de Conso e Viana do Bolo, ci si può collegare all’itinerario 11 del Centro MTB, “Ruta As Telleiras”, o percorrere gli ultimi chilometri della strada che attraversa il paese fino alla Casa da Cultura, punto di accoglienza.

PartenzaCasa do Concello (Vilariño de Conso)
X= 42º09.985´N Y= 007º10.933´W
 altezza mássimadis. accum. positivodifficoltàcollegamenti
900633 mDificultade Dificil9,10
ArrivoCasa da Cultura (Viana do Bolo)
X= 42º10.713´N Y= 007º06.571´ W
altezza mínimapendenza massima.distanzatempo indice IBP
64123,7 %16 km1 h 40´ 81

 

R11 - Ruta As Telleiras

R11

Itinerario circolare intorno al bacino di O Vao, nella zona di Viana do Bolo per ciclisti di tutti i livelli. Si raccomanda di visitare le Médulas de Caldesiños.

Itinerario circolare ideale per i principianti della MTB, poiché è uno dei percorsi più brevi con un tracciato tecnicamente facile inserito un ambiente piacevole. I primi metri percorrono il centro della località passando per la Praza Maior e per l’antica fortezza da cui spicca il maschio, che oggi ospita il Museo Etnografico delle Terras de Viana. Dopo aver attraversato il ponte della strada per Vilariño de Conso e aver percorso alcuni metri, bisognerà stare attenti a imboccare a sinistra lo sterrato che costeggia il bacino. Durante questa gradevole passeggiata si attraversa il bacino dal ponte di Sanxez. A questo punto si può continuare sull’itinerario o seguire le indicazioni della deviazione dall’itinerario che porta alle Médulas de Caldesiños. Questi antichi giacimenti romani hanno dato origine alle varie “telleiras”, antichi forni in cui si cuocevano le tegole con la creta estratta dalle Médulas, i cui resti sono ancora visibili. Per ritornare a Viana do Bolo dal ponte si dovrà percorrere un chilometro di strada normale fino allo svincolo che porta al belvedere di San Cibrao per ammirare il bel panorama della località prima di ritornare al punto di accoglienza presso la Casa da Cultura.

PartenzaCasa do Concello (Vilariño de Conso)
X= 42º10.713´N Y= 007º06.571´ W
 altezza mássimadis. accum. positivodifficoltàcollegamenti
749427 mDificultade Facilsenza collegamenti
ArrivoCasa do Concello (Vilariño de Conso)
X= 42º10.713´N Y= 007º06.571´ W
altezza mínimapendenza massimadistanzatempo indice IBP
64623,2 %12 km1 h 30´ 50

R12 - Ruta A Escrita

R12

Un itinerario circolare di medio livello che permette di visitare una parte delle così chiamate “Terras do Bolo”.

Un itinerario per ciclisti di livello avanzato che in direzione nord attraversa alcuni dei nuclei più caratteristici delle “Terras do Bolo”, quali Hedroso, Tabazoa de Hedroso e Mourisca. Inoltre, dall’Alto da Escrita si potrà ammirare il bel panorama di Viana do Bolo, in un pittoresco ambiente circondatodal bacino di O Vao e coronato dai resti dell’antica fortezza medievale. I primi chilometri dell’itinerario portano alla frazione di Punxeiro, e successivamente alla cappella di San Román a Hedroso. Da qui si pedalerà su uno sterrato nella zona conosciuta con il nome di As Devesas fino ad arrivare al nucleo di Tabazoa de Hedroso, paese diviso in due quartieri, Barrio de Riba e Barrio de Baixo. Dopo essere saliti sull’Alto da Escrita, uno sterrato tra campi coltivati accanto alla riva del bacino ci riporterà al centro della località, dove si consiglia di visitare il maschio e la Plaza Mayor prima di ritornare al punto di accoglienza presso la Casa da Cultura.

PartenzaCasa da Cultura (Viana do Bolo)
X= 42º10.713´N Y= 007º06.571´ W
 altezza massimadis. accum. positivodifficoltàcollegamenti
1002546 mDificultade Dificil11
ArrivoCasa da Cultura (Viana do Bolo)
X= 42º10.713´N Y= 007º06.571´ W
altezza mínimapendenza massimadistanzatempo indice IBP
65316,4 %17,8 km2 h 15´75
Arriba