Ecco il punto più alto della Galizia.

Situati a est della provincia di Orense, i monti di Pena Trevinca sono uno spazio naturale protetto di quasi 25000 ettari. Le cime, alte più di 2000 m e innevate d’inverno, sono coronate da laghi glaciali come O Celo o la Lagoa da Serpe, dalle acque purissime e cristalline. Queste sono montagne sulle quali l’impronta dell’uomo è quasi inesistente. 

Alta montagna

Paesaggi subalpini, al di sopra dei duemila metri, si trovano solo in Galizia, nel punto in cui confluiscono le catene montuose di O Eixe, Calva e Segundeira

Il punto più alto della regione si raggiunge sulle tre cime Pena Trevinca (2127 m), Pena Negra (2123 m) e Pena Survia (2122 m), che coronano questo ampio spazio protetto unito al Parco naturale Lago de Sanabria (Zamora). Spicca la formazione di laghi naturali e di altri elementi di origine glaciale. Sul versante occidentale galiziano, che sbocca verso il bacino del Sil, lo Xares e il Bibei lasciano immagini incantevoli dei fiumi di alta montagna durante il periodo di disgelo.

A causa della lontananza, la zona si è mantenuta relativamente isolata, anche se in fragile equilibrio. Uno dei suoi simboli, sempre più riconosciuto, è la conservazione del Teixadal de Casaio. Si tratta di un ridotto gruppo di trecento tassi centenari che formano un bosco unico in Europa. L’altro simbolo è la sussistenza di una coppia di aquile reali come elemento significativo dell’avifauna.

Impossibile perdersi

Vi si arriva principalmente dalla località di A Veiga, nei pressi del bacino di Prada, che consente di avvicinarsi al massiccio montagnoso passando attraversando piccoli villaggi limitrofi allo spazio protetto. Per esempio Xares, con riserva di caccia grossa; i mulini di A Ponte o le case di Corzos tra grandi pietre ovali.

A sud, arrivando al villaggio di Pradorramisquedo attraverso la sinuosa strada da Viana do Bolo, ci si avvicina alle rive del fiume Bibei modellate nella pietra. Da qui è facile proseguire fino a Porto, sul versante della provincia di Zamora. Invece, il Teixadal de Casaio si trova sull’estremo settentrionale dello spazio, nel comune di Carballeda de Valdeorras. Il cammino a piedi è lungo partendo dalla stazione di Fonte da Cova (1800 m).

Dati di interesse

Situazione
Comuni di Carballeda de Valdeorras, A Veiga, Viana do Bolo, Manzaneda e O Bolo in provincia di Orense, al confine con la regione autonoma della Castiglia-León.

Superficie
24.860,33 ha.

Accesso
Svincolo per A Veiga sulla strada provinciale OU-533 A Rúa-A Gudiña. Da A Veiga fino a Xares su strade locali. Da O Barco de Valdeorras, la OU-121 in direzione del bacino di Prada (A Veiga); o passando da Sobradelo (Carballedo de Valdeorras) e prendendo la OU-122 in direzione Casaio.

Servizi

  • Aloggio: sì.
  • Vitto: sì.
Xunta de Galicia

© 2019 Turismo de Galicia | Tutti i diritti riservati
Avviso legale | Contacto | Accesibilidade

Galicia
Arriba