Bono IacobusIl Cammino Francese è l'itinerario più conosciuto tra le vie storiche che arrivano a Santiago de Compostela (Cammino Inglese, Cammino Portoghese, Cammino del Nord, Cammino Primitivo, Via de la Plata...). Nel 1987 è stato riconosciuto dal Consiglio d'Europa, come il "I Itinerario Culturale Europeo" e insignito dall'UNESCO nel 1993 del titolo di "Patrimonio Culturale dell'Umanità". Nel 2004, gli è stato conferito il premio Principe delle Asturie della Concordia.

Inizia nel territorio francese, da lì il suo nome, e entra in Galizia attraverso un sentiero ascendente che raggiunge la sua massima altezza sulle alture di O Cebreiro. In tutto l’itinerario gallego il camminatore potrà godere dell'ospitalità della gente, di una ricca e variata gastronomia, di un importante patrimonio artistico, e in generale di tutto un paese accogliente e disposto a ricevere il viaggiatore.

1º Giorno

O Cebreiro – Inizio

Hotel Cebreiro-Casa Valiña

O Cebreiro – Inizio

Vecchia casa colonica restaurata nel 2000, mantenendo la struttura tradizionale dell'edificio. È situata nei pressi di un eremo del IX secolo e circondata da fienili.

2º Giorno

O Cebreiro / Triacastela – Tappa 1 (25.6 Km)

Si parte dalla cima di O Cebreiro (su cui si trova il santuario di Santa María a Real do Cebreiro e l'antico ospedale dei pellegrini del IX sec.) Il percorso passa per Liñares, Hospital da Condesa, Padornelo, dove nacque l'Ordine di San Juan de Jerusalén, creato per accogliere il pellegrino, Puerto de O Poio, punto più alto del Cammino Francese in Galizia, Fonfría, O Biduedo, Fillobal, Pasantes e Ramil, per giungere infine a Triacastela.

Casa Pacios

Triacastela / Tappa 1

È una casa rurale del XVII secolo, situata nella località di Vilavella, da dove passavano i pellegrini medievali per raccogliere pietre calcaree e portarle ai forni di calce di A Castañeda, ad Arzúa, collaborando così alla costruzione della cattedrale di Santiago.

3º Giorno

Triacastela / Gorolfe – Tappa 2 (14.4 Km)

Da Triacastela si passa per Renche, San Martiño do Real, Samos, dove si può visitare il monastero benedettino fondato nel VI secolo, uno dei più antichi d'Occidente e la Cappella del Salvador, conosciuta anche come la "Cappella del Cipresso", dovuto all'albero che si trova nei pressi e che ha più di mille anni. Dopo la sosta a Samos si prosegue per Gorolfe, destinazione finale di questa seconda tappa.

Casa de Díaz

Samos / Tappa 2

Restaurata nel 1997. Combina la modernità con gli elementi tradizionali tipici di una costruzione rustica. Forni antichi, piccionaie, cappella del XI secolo, piscina e soggiorno.

4º Giorno

Gorolfe / Ferreiros . Tappa 3 (24 Km)

Dopo Gorolfe, le località successive sono Perros e Sarria. Seguendo i percorso, si attraverserà il ponte di A Áspera per arrivare alla chiesa romanica di Santiago de Barbadelo, Domiz, Lavandeira, A Brea, Morgade, e infine Ferreiros e la sua chiesa romanica di Santa María (XII sec.).

O Foilebar

Paradela / Tappa 3

Antico punto di caccia al lupo. Nella sala da pranzo rurale si possono degustare piatti a base di prodotti tipici.

5º Giorno

Ferreiros / Lestedo - Tappa 4 (28,5 Km)

La seguente tappa ha inizio a Ferreiros e prosegue verso Mirallos, A Pena, Rozas, Moimentos, Mercadoiro, Moutras, A Parrocha, Vilachá, luogo dove inizia la discesa verso il fiume Miño, e Portomarín, dove si potrà degustare la grappa della zona, una fra le più apprezzate della Galizia. Il percorso prosegue verso Gonzar, Castromaior e la sua chiesa romanica, Vendas de Narón con la sua cappella della Magdalena, A Previsa, Lameiros e la cappella di San Marcos, Ligonde, Eirexe, Portos, paesino situato nei pressi del tempio romanico di Vilar de Donas, che faceva parte di un monastero, il primo femminile (da lì il nome di Donas) e più tardi dell'Ordine di Santiago. La tappa si conclude a Lestedo.

Casa Roán

Monterroso / Tappa 4

Questo agriturismo è composto da due antiche case coloniche che risalgono alla metà del XVIII secolo poi ristrutturate nel 2006, mantenendo intatte le caratteristiche identificative dell'architettura rurale della Galizia: aia, granaio, cortile interno dedicato i lavori campestri, spessi muri in pietra, rivestimenti di ardesia, tetti in legno di castagno, forni in pietra...

6º Giorno

Lestedo / A Castañeda – Tappa 5 (27.4 Km)

Partendo da Lestedo si passa per Os Valos, A Brea, O Rosario, Palas de Rei, dove si potrà visitare la chiesa di San Tirso, Campo dos Romeiros, luogo di ritrovo dei pellegrini, San Xulián do Camiño, O Mato, Casanova, Porto de Bois, Couto, prima località in provincia di A Coruña dopo aver lasciato Lugo, Leboreiro e la sua chiesa romanica, Disicabo, Furelos con il suo ponte medievale, Melide, dove si può visitare il Museo Terra de Melide, e ammirare il suo “cruceiro” gotico, Santa María, O Raído, Boente e la sua chiesa di Santiago per giungere infine ad A Castañeda. In questo luogo si racconta dell'esistenza di alcuni forni di calce usati per la costruzione della cattedrale di Santiago.

Pazo de Sedor

Arzúa / Tappa 5

Edificio costruito alla fine del XVII secolo. Recentemente riabilitato e con tutti gli elementi e le comodità attuali. Ampie camere e sale. Assoluta tranquillità e trattamento personalizzato.

7º Giorno

A Castañeda / Santa Irene – Tappa 6 (22.1 Km)

Lasciando A Castañeda si giunge a O Pedrido, Ribadiso e l'antico ospizio dei pellegrini, attualmente trasformato in ostello, Arzúa, dove si trovano la chiesa di Santiago e la cappella gotica della Magdalena, Raído, Cortobe, Ferreiros, Boavista, A Salceda, A Brea e infine Santa Irene, con la sua fontana e la sua chiesa particolare.

O Muíño de Pena

O Pino / Tappa 7

Antico molino e segheria di oltre 200 anni, vicino al fiume Mera, nel comune di O Pino. Si può anche visitare il suo museo etnografico.

8º Giorno

Santa Irene / Santiago – Tappa 7 (22.4 Km)

Per arrivare a Santiago si parte da Santa Irene per proseguire verso A Rúa, ultima località prima di giungere ad Arca, capoluogo di O Pino, comune immediatamente prima di Santiago, a cui si accede da A Lavacolla, dove anticamente esisteva la tradizione di immergersi nel fiume che la attraversa. Dopo A Lavacolla, si arriva a Monte do Gozo, che deve il suo nome al fatto che è il luogo da cui si vedono per la prima volta le torri della Cattedrale. Al centro storico della città si giunge seguendo la calle de Os Concheiros, proseguendo poi per San Pedro, Porta do Camiño, Casas Reais, plaza de Cervantes, A Acibechería e infine, la cattedrale. Negli Anni Santi, si potrà sicuramente entrare nel santuario attraverso la Porta Santa, aperta soltanto negli anni del Giubileo.

Prezzo

La rotta è di 165 chilometri che con l'Abbonamento Iacobus si completa in 7 giorni. Alla fine di ogni tappa il viaggiatore è atteso da un'automobile e portato ad un vicino agriturismo in cui potrà pernottare, dopo una meritata cena casereccia preparata con prodotti della zona.

La mattina seguente, dopo una buona colazione, il viaggiatore sarà portato nuovamente in automobile all'inizio delle tappa successiva.

Servizi facoltativi:

  • Picnic per la tappa del giorno.
  • Trasporto in taxi del bagaglio.

Prezzo con cena e prima colazione compresi:

  • 1 Persona (camera singola) 675 € (IVA inclusa)
  • 2 Personas (camera doppia) 970 € (IVA inclusa)

L'ABBONAMENTO IACOBUS può essere acquistato durante tutto l'anno tranne in agosto e la Settimana di Pasqua, individuale, in coppia o per gruppi.
Per ulteriori informazioni riguardanti l'ABBONAMENTO IACOBUS si può telefonare al (+34) 902 200 432 o inviare una e-mail a: cir.turgalicia@xunta.es
Con l'ABBONAMENTO IACOBUS dovrai soltanto camminare e sentire, perché il riposo è garantito.

(*) La vendita si effettua tramite agenzie di viaggio legalmente autorizzate.

Come arrivare a Pedrafita

  • Trasferimento Santiago – Pedrafita do Cebreiro in autobus con frequenza giornaliera e durata di circa tre ore e mezza.
  • Orario: Da lunedì a sabato:08:00 - 09:45 - 14:00 – 21:30 -23:15 Domenica:08:00 – 09:45 – 14:00 – 23:15
  • Compagnia di autobus: ALSA - Tel.: +34 902 422 242 - Web: www.alsa.es
  • Stazione di Autobus di Santiago: C/ San Caetano, s/n – Tel: +34 981 542 416 - Web: www.tussa.org

* L'informazione sui giorni operativi, orari e durata degli spostamenti è ORIENTATIVA e deve essere confermata dalla compagnia fornitrice del servizio.

Arriba