Questa geo-destinazione è costituita dai comuni di A Guarda, Arbo, As Neves, Baiona, Covelo, Crecente, Fornelos de Montes, Gondomar, Mondariz, Mondariz-Balneario, Mos, Nigrán, O Porriño, O Rosal, Oia, Pazos de Borbén, Ponteareas, Redondela, Salceda de Caselas, Salvaterra de Miño, Soutomaior, Tomiño, Tui e Vigo.

Samil, O Vao, Patos, Praia América... La riva sud della Ría di Vigè una successione di grandi spiagge di sabbia dorata e di tranquilli porti come Canido o Panxón. E guardando l'ingresso della Ría, di fronte alla moderna e intraprendente città di Vigo, il paradiso delle Isole Cíes.

Baiona è stato il primo porto dell'Europa a ricevere la notizia della scoperta dell'America, e questo viene celebrato in grande stile durante la "Festa da Arribada". Con il suo vivace centro storico, la sua meravigliosa baia e i suoi club nautici, qui le vacanze si godono durante tutto l'anno.

Situata alla frontiera con il Portogallo e nel mezzo di uno splendido paesaggio naturale sulle rive del fiume Miño, Tui è una città monumentale costruita intorno a una cattedrale fortificata. Nelle vicinanze si trova, il parco naturale del Monte Aloia.

Nell'entroterra non si può non visitare Mondariz, località termale per eccellenza, con uno splendido stabilimento termale e campo da golf. Inoltre, O Rosal, una fertile vallata di kiwi, fiori e vigneti di D.O. Rías Baixas. E A Guarda, famosa per la aragoste e per l'imponente castro do Monte Tegra.

Patrimonio

Tre nuclei di popolazione lasciano le loro impronte su questo territorio. Vigo, la gran urbe galiziana, con il mercato di A Pedra, dove, tra tutti i richiami di questa città cosmopolita vi è quello di degustare le rinomate ostriche o di contemplare le viste dal Monte do CastroBaiona, centro turistico con tranquille spiaggeporti da diporto e il parador de turismo. E Tui, con la sua cattedrale trasformata in fortezza e il labirinto delle sue stradine medievali. È anche giusto menzionare i due grandi castelli, quello di Soutomaior e quello di Vilasobroso (Ponteareas), carichi di storia.

Tra i Beni di interesse culturale di questa geo-destinazione sono degni di nota gli elementi di arte rupestre e preistorica come le incisioni del Castro di Santa Tegra, il sito archeologico paleolitico delle Gándaras de Budiño a O Porriño; gli elementi di architettura civile come il Pazo de Cadaval a Nigrán o i complessi storici della città di Tui e di Baiona; gli elementi di architettura religiosa come il convento di Santa María de Oia o il convento di San Domingos de Tui, o di architettura fortificata, quali il castello di Soutomaior o la le mura di cinta di Salvaterra de Miño.

Spazi naturali

Tutto il sud-ovest della provincia di Pontevedra definisce una geo-destinazione formata da tre elementi: una linea costiera, un fiume frontaliero e vari gruppi di montagne all’interno.

La linea costiera è a sua volta formata da due parti. La prima, comoda, tranquilla, bassa e quieta; è la parte interna della ría di Vigo, dallo storico ponte di Soutomaior fino a lasciarsi alle spalle l’insenatura di Baiona con le Illas Estelas (Rete Natura). La seconda, quando improvvisamente svolta verso meridione, è impervia, molto battuta dall’Atlantico, con minuscoli porti, eccetto quello di A Guarda, ai piedi del monte Santa Tegra e del suo paesino di castri.

Il fiume è il Miño nel tratto finale, Sito di importanza comunitaria, che unisce la Galizia al Portogallo e che muore in un estuario largo e spettacolare, lasciando alle spalle località storiche e fortificate come Salvaterra de MiñoTui, nonché una fascia di vigneti della Denominazione di Origine Rías Baixas. Anche il fiume Tea e l’estuario del fiume Miñor ad A Ramallosa, assieme alle insenature di enseada de San Simón, sono acque appartenenti alla Rete Natura.

I monti delimitano il territorio di una e dell’altro. Di poca altezza e vecchi,  alcuni come l’Aloia sono stati dichiarati Parco naturale. La serra da Groba è considerata una delle catene montuose più selvagge della provincia.

Altre informazioni disponibili su galiziano o spagnolo o inglese o francese o tedesco o portoghese

IN PRIMO PIANO: La migliore spiaggia del mondo

L’arenile di Rodas è, secondo il quotidiano The Guardian, la migliore spiaggia del mondo. Integrate nel Parco Nazionale delle Islas Atlánticas -che comprende Cíes, OnsSálvora e Cortegada -, le isole Cíes sono il paradiso dalle acque turchesi e dalla sabbia bianca della costa galiziana. L’accesso alle isole è limitato a 2200 persone al giorno e vi sono sentieri che conducono a ciascuno dei tre fari. Sono collegate per mezzo di un servizio regolare di trasporto marittimo di passeggeri dai porti di Vigo, Baiona e Cangas.

Nelle Cíes vive la colonia più grande del mondo di gabbiani zampegialle e la zona che circonda le isole costituisce uno degli ecosistemi più ricchi della costa galiziana, dove spicca il frondoso bosco di alghe brune.

Xunta de Galicia

© 2019 Turismo de Galicia | Tutti i diritti riservati
Avviso legale | Contacto | Accesibilidade

Galicia
Arriba