Ti proponiamo un fine settimana con la famiglia per scoprire Lugo, una città di storia millenaria e un ambiente dove il fiume Miño regna sovrano. Si può passeggiare intorno alle mura romane, lunghe più di due chilometri, ammirare gli edifici quasi dall’alto e rilassarsi negli spazi termo-ludici delle strutture alberghiere. E, per completare l’esperienza, visiteremo Marcelle Natureza, che ci avvicinerà alla vita animale in uno spazio naturale di grande bellezza.

Un fine settimana per conoscere la città storica di Lugo e godere delle sue acque termali con la famiglia. 

Passeggeremo intorno alle mura romane, lunghe più di due chilometri. E visiteremo il parco zoologico Marcelle Natureza, dove vedremo canguri, renne e persino tartarughe giganti.

Ulteriori informazioni... 
- Balneario de Lugo – Termas Romanas. www.balneariodelugo.com
- Marcelle Natureza. www.marcellenatureza.com
- Centro di interpretazione delle mura.Telefoni: +34 982 251 658 / 982 297 347
- Museo Provinciale di Lugo. www.museolugo.org.com

1º giorno

Relax tra le acque termali

Arriveremo a Lugo verso mezzogiorno. Dopo aver lasciato le valigie in hotelpranzeremo in uno dei ristoranti che popolano le strade del centro storico.

Si può anche scegliere di andare per tapas, un’usanza molto radicata nella città. Non per niente il suo motto gastronomico è: “E per mangiare, Lugo”.

Ritorneremo in hotel per godere del suo Club termale, dove i genitori potranno rilassarsi tranquillamente, mentre i bambini si divertono nell’area di gioco, annessa alla piscina per adulti, in condizioni di totale sicurezza. Si potrà accedere a entrambe le strutture durante i tre giorni di soggiorno. 

2º giorno

Visita di una riserva naturale e viaggio nell’epoca romana

Dopo colazione prenderemo l’auto per recarci a Outeiro de Rei (a 16 km da Lugo, in direzione La Coruña), dove si trova il Marcelle Natureza, un piccolo parco zoologico immerso nella natura. Qui trascorreremo una mattinata con la famiglia per avvicinarci al mondo della fauna e della flora.

Un parco zoologico immerso nella natura

Nel parco vi sono diverse aree dove vivono specie di vari continenti, da zebre, struzzi o bisonti a lupi, canguri, linci o renne e molte altre. Nel rettilario saremo sorpresi dai serpenti e dalle tartarughe giganti. 

Per godere con calma della visita, vi raccomandiamo di pranzare presso le strutture del parco, o di portarvi il pranzo al sacco e lasciarvi abbracciare dalla natura e dalle rive del fiume Miño, dichiarato Reserva da Biosfera. Quest’esperienza servirà a sensibilizzare grandi e piccini al rispetto nei confronti della natura.

Le mura di Lugo e la cattedrale

Ritornando verso Lugo possiamo  passeggiare per le mura romane, Patrimonio dell’Umanità, e percorrerle per tutta la loro lunghezza, più di due chilometri. Un’altra possibilità è salire le scale di Campo Castelo fino alla Torre di A Mosquera, una ricostruzione di una delle torri delle mura all’epoca in cui vennero costruite, e poi scendere dalle mura per scoprire pian piano la sagoma della cattedrale, dalla rampa di Puerta de Santiago, unico accesso per le persone con mobilità ridotta o per i genitori con i bambini in passeggino.

L’interno della cattedrale è qualcosa di unico, giacché, delle cinque sedi episcopali galiziane, solo Lugo conserva gli stalli del coro al centro della basilica. La zona absidale ci riserba un’altra sorpresa, la cappella della Madonna dagli occhi grandi, di grande devozione nella città.

 

La Cattedrale di Lugo è l’unica in Galizia che conserva gli stalli del coro al centro della basilica.

Il Centro di interpretazione delle mura.
Usciremo dalla cattedrale dalla porta nord, per addentrarci nel dedalo dell’area storica fino ad arrivare alla Praza do Campo. Ci avviciniamo al Centro di interpretazione delle mura per conoscere maggiori dettagli sulla sua costruzione e sulla vita quotidiana della città. Video e schermi tattili permetteranno ad adulti e piccini di tornare indietro nel tempo fino all’epoca romana, in cui furono eretti i templi, le case, gli edifici e i muri di Lucus Augusti, nome di battesimo della città fondata come una delle capitali della Gallaecia, la Galizia romana.

In alcuni dei ristoranti e bar di tapas per i quali Lugo è famosa, ci lasceremo tentare dal pesce, dalle carni o dalle verdure della gastronomia galiziana.

 

 

3º giorno

Acque termali e un percorso attraverso la storia

In mattinata resta ancora un po’ di tempo per un ultimo tuffo nelle piscine del club termale. Oppure, mentre i bambini si divertono nell’area di gioco (secondo l’età), i genitori possono ricevere un trattamento di salute, di estetica o di bellezza in una delle cabine degli impianti dell’albergo. 

Prima di lasciare Lugo vi raccomandiamo di visitare il Museo Provinciale, allestito in un vecchio convento francescano. L’entrata è gratuita e le sue sale ci riporteranno a epoche passate. Vedremo da vicino torques e altri gioielli in oro usati dagli abitanti dei nostri castros (insediamenti fortificati di origine celtica), resti di mosaici che decoravano i pavimenti delle case più ricche della città, o la riproduzione di una cucina tradizionale galiziana con lareira (focolare), potes (pentole), cantareiros (luogo in cui si collocavano le anfore) e altri oggetti e utensili tipici. Il quadro è completato da pittura, scultura e un esempio di ceramiche e porcellane di Sargadelos, assieme a una collezione di ventagli e orologi che vi sorprenderà.

Passeggiando arriveremo alla Alameda o Praza Maior, con bar all’aperto, e alla Casa do Concello (sede del Comune). Faremo un’ultima foto familiare accanto al monumento che rappresenta i fondatori della città. Ritorneremo quindi in hotel per prendere le valigie e concludere questo itinerario attraverso la storia della Galizia, la natura e i benefici delle nostre acque minero-medicinali. 

Il Museo Provinciale di Lugo ospita la riproduzione di una cucina tradizionale galiziana

Arriba
Aiutaci a migliorare!