Quest’isola paradisiaca ci offre i benefici del mare nei suoi centri di talassoterapia. A O Grove assaggeremo i frutti di mare migliori. Imbarcheremo nel porto di questa località per navigare sulla Ría de Arousa; in queste acque potremo conoscere il lavoro nelle “bateas”, piattaforme in cui si allevano i migliori frutti di mare del mondo.

Vogliamo proporvi un’escursione in coppia presso i centri di talassoterapia. Qui si può combattere lo stress, abbellire il corpo e lo spirito, divertirsi o rilassarsi, e anche gustare l’eccellente gastronomia e contemplare l’azzurro intenso dell’orizzonte. 

L’isola di A Toxa è un rifugio per vivere a fondo il mare. sfruttandone l’effetto benefico sulla salute, assaggiandone le prelibatezze o svagandosi in paesaggi costieri o sottomarini. Qui si può combattere lo stress, abbellire il corpo e lo spirito, divertirsi o rilassarsi e anche gustare l’eccellente gastronomia e contemplare l’azzurro intenso dell’orizzonte.

Ulteriori informazioni... 
- Talaso Hotel Louxo La Toja. www.louxolatoja.com
- Balneario da Toxa (Hotel Eurostars Isla De La Toja). www.eurostarshotels.com/eurostars-isla-de-la-toja.html
- Balneario da Toxa (Eurostars Gran Hotel la Toja). www.eurostarshotels.com/eurostars-gran-hotel-la-toja.html

1º giorno

La tranquillità dell’isola

Solitamente per arrivare ad A Toxa si prende la superstrada di O Salnés AG-41, in direzione Sanxenxo-Cambados-O Grove. Giunti a questa località, si attraversa il ponte che la collega all’isola.

La penisola di O Grove abbraccia l’isola di A Toxa, proteggendola dalla furia più violenta del mare. È anche favorita da un clima mite, dominante in tutta la valle di O Salnés. Entrambi gli aspetti sono il preludio della serenità che cerchiamo. Questa sensazione di tranquillità si accentuerà nell’albergo selezionato tra i tanti di lusso dell’isola. Oltre all’hotel di talassoterapia vi sono due hotel termali.

Il potere salutare e rilassante dell’acqua di mare
Vi consigliamo di arrivare nel primo pomeriggio. Subito dopo aver sistemato le valigie, possiamo entrare nello spa e negli spazi di talassoterapia dell’hotel. Troveremo un’ampia scelta di programmi rilassanti, di bellezza, dimagranti, di salute ed anche ristrutturanti.

Nel centro di talassoterapia l’acqua di mare 
viene portata a temperatura
corporea in modo che i minerali in essa contenuti penetrino nella pelle 

E possiamo già cominciare a comprovare sulla nostra pelle il potere salutare della talassoterapia, con trattamenti principalmente a base di elementi marini. L’acqua di mare viene portata a temperatura corporea facendo sì che i minerali di cui è composta penetrino meglio nella pelle. Allo stesso tempo la densità dell’acqua scarica buona parte della pesantezza del corpo.

Possiamo accompagnare il bagno con diverse tecniche di massaggio manuale a disposizione presso queste strutture. Alcune vengono praticate da vari professionisti allo stesso tempo. Le loro mani si muovono in perfetta sincronia portandoci a un rilassamento dalla testa ai piedi. Al termine, potremo apprezzarne gli effetti sul corpo e sullo spirito.

A questo punto lo stato di relax è totale; quindi, per concludere il trattamento in bellezza è raccomandabile, e molto consigliato come parte dell’esperienza termale, fare un breve riposo per assimilare completamente i benefici della talassoterapia.

Le acque e i bagni di A Toxa
curano gli orribili mali,
i mali che spaventa pronunciare

Emilia Pardo Bazán

Una passeggiata per l’isola
Dopo un riposo ristoratore, lasciarci invitare dall’isola a una passeggiata è una possibilità rinvigorente. Le sue rive regalano delle viste privilegiate sulla ria, talvolta da bianche balaustre. I sentieri, delimitati dalle palme e dai pini, stimolano il nostro animo per farci apprezzare, più intensamente se si può, i sapori del pesce e dei frutti di mare della Ría di Arousa. La loro qualità vanta una giusta fama e, se accompagnati dai vini albariños di questa terra, sono una scelta irrinunciabile.

2º giorno

A O Grove godremo del mare e dei suoi frutti

Possiamo dedicare la mattina a un’attività appassionante come esplorare il fondale marino e la costa della Ría di Arousa. Sbarcati nel porto di O Grove, potremo apprezzare la qualità culinaria del luogo. Dopo mangiato possiamo proseguire sulla stessa strada provinciale fino a San Vicente, all’altro estremo della penisola. Di ritorno ad A Toxa consigliamo di provare nuovamente i trattamenti per ristabilire le energie. 

Navighiamo per la Ría di Arousa
Dopo una giornata così rilassante saremo pieni di energia e potremo dedicare la mattina a un’attività appassionante come l’esplorazione del fondale marino e della costa della Ría di Arousa.

Si può fare in barca a vela, in catamarano o in imbarcazioni a fondo trasparente, che partono dal porto da diporto di O Grove. Arriveremo in poco più di cinque minuti in macchina, dopo aver attraversato il ponte che collega l’isola a questa località. Alla prima rotonda prendiamo il primo svincolo per avenida de Beiramar e proseguiamo fino a quando non vediamo i moli sulla destra.

Una volta saliti a bordo, l’imbarcazione lascerà la scia attorno al profilo della ria e degli isolotti. Se si va in catamarano, si esploreranno veri e propri boschi di alghe, facili da osservare dal fondo vetrato della barca. Non dimentichiamo che le rías galiziane sono uno dei maggiori depositi di fitoplancton del pianeta secondo la FAO. Questa caratteristica dota le acque di un’eccezionale qualità e rende possibile la crescita in tempo record di allevamenti di molluschi bivalvi. Lo vedremo fermandoci in alcune delle bateas, piattaforme di legno sul mare, in cui si allevano cozze, ostriche e capesante.

Le rías galiziane sono
uno dei maggiori depositi di
fitoplancton del pianeta,
e questo fa sì che i frutti di mare
crescano velocemente

Il lavoro sulle bateas
È facile trovare un marinaio che lavora sulle bateas, poiché quest’attività è uno dei motori economici della zona. Malgrado l’aiuto meccanico, la durezza del lavoro si percepisce. Ogni corda che sostiene i molluschi bivalvi può arrivare a pesare fino a trecento chili e bisogna manipolarla per pulirla dalle alghe o dai parassiti. È anche necessario svolgere le corde man mano che i molluschi crescono. Dall’interno della barca si può vedere come le corde pendono dalle piattaforme verso il fondale marino.

Durante la traversata molto probabilmente passeremo accanto a banchi di pesci, tra cui possiamo scorgere boghe e saraghi. Alcuni, come il pesce balestra, sono molto vistosi per i colori accesi che li contraddistinguono. E, se la fortuna ci sorride, forse potremo anche scorgere una famiglia di delfini vicino alla costa, disposta a farci divertire per un po’ con versi e capriole.

I prodotti del mare
Dopo essere sbarcati nel porto di O Grove, ne approfitteremo per godere della qualità culinaria locale. Le marisquerías e i ristoranti del porto sono una buona scelta. Vi è un vasto assortimento di prodotti della ría, quali cozze, ostriche, capesante, vongole, cuori eduli, grancevole o granciporri. Vi sono anche i pesci della flotta costiera che vengono messi all’asta al mercato generale del pesce. Se preferiamo la carne, troveremo prodotti provenienti dalla macellazione del maiale e del vitello.

Per una cucina d’autore e un ambiente all’avanguardia, verso San Vicente troveremo ristoranti riconosciuti dalla guida Michelin, la bibbia della gastronomia. Provare quindi un buon granciporro sminuzzato o un croccante di risotto alle seppie ci dimostra che il rapporto con il prodotto autoctono non si perde mai.

Passeggiate sul mare
Dopo pranzo possiamo proseguire sulla stessa strada provinciale fino a San Vicente, sull’altro estremo della penisola. È perfetto per ossigenare il corpo con aria pura e con una passeggiata sui sentieri di legno, come quello di Con Negro, che discorre tra le scogliere più agresti della località.

Se invece, se preferiamo un programma più rilassante, prima di ritornare all’isola potremo fare una breve passeggiata per le strade e piazze di O Grove e ammirare una rete di oltre 50 sculture in granito, che aumenta ogni anno grazie ai partecipanti al Simposio di scultura, una delle attività che ha inizio i primi di ottobre durante la celebrazione della Festa dei frutti di mare.

Trattamenti a base di vino o cioccolato
Di ritorno ad A Toxa consigliamo di provare nuovi trattamenti per recuperare le energie. Vi sono svariate proposte a base di vino, alghe, aromi, colori o cioccolato, sempre combinati con l’acqua di mare.

3º giorno

Salutiamo l’isola tra conchiglie, sali e saponi

Prima di concludere il viaggio non possiamo perderci uno degli edifici religiosi più singolari della Galizia. Si tratta della Capilla de las Conchas (Cappella delle conchiglie), in pieno centro dell’isola.

Una cappella ricoperta di conchiglie di capasanta

Rende culto a San Caralampio e alla Madonna del Carmen sin dal XII secolo. L’interno, dall’aspetto un po marinaro, è modesto, infatti la vera e propria attrazione è l’esterno, completamente ricoperto di conchiglie di capasanta.

A Toxa, l’emblema delle terme, ha esteso questa alchimia naturale alla fabbricazione di uno dei saponi più tradizionali della Spagna. Dove una volta c’era la fabbrica, oggi c’è un negozio-museo con i prodotti della marca “La Toja”, e con dei pannelli esplicativi che ce ne faranno percorrere la storia. Troveremo sali, saponi, creme e prodotti di estetica e salute. 

Le pittoresche venditrici di collane
Così come i saponi, anche le venditrici di collane di conchiglie sono figure tradizionali. Le loro mani hanno infilato per decenni le sinuose forme che l’Atlantico porta sulle loro coste. In strada, sotto gli ombrelloni, ci danno il benvenuto quando arriviamo e ci salutano quando ce ne andiamo.

Arriba
Aiutaci a migliorare!