Visualizacion: intro
Plantilla: miradoiros

MARE INIFINITO

Dal faro di Fisterra al punto panoramico di O Ézaro... dalla fine del mondo all'Olimpo celtico
Cheguei a Fisterra, alí onde
o sol esmaiado e silandeiro
morre no mar como umha bágoa.
Fisterra,  Manuel María

La fine del mondo.

Fisterra rappresenta il luogo estremo dove finisce la terra. In questo caso non sarà la fine ma l'inizio di un bellissimo itinerario che costeggia la costa, passando attraverso luoghi mitici della Costa da Morte: Corcubión, Cee, la cascata del Xallas ... e un finale spettacolare al punto panoramico di O Ézaro, vicino al monte Pindo, il sacro Olimpo dei celti.

Descarga a ruta
Fisterra

La "finis terrae" latina indica il luogo in cui finisce il mondo conosciuto. Questo posto è presente nell'immaginario collettivo di molte società atlantiche e esistono altre "fini del mondo" in Bretagna o in Cornovaglia.

La nostra Fisterra, combina un attraente paesaggio costiero con la componente mitica, a cui si aggiunge la circostanza del punto finale del Cammino a Fisterra, prolungamento della rotta giacobea verso Santiago. Secondo la leggenda, era qui che si trovava l’Ara Solis (Altare del Sole) che l’Apostolo Giacomo avrebbe ordinato di distruggere, in quanto simbolo pagano. Ma la tradizione si è tramandata e oggi Ara Solis è il nome di una famosa piazza del centro storico, vicino alla cappella di Nosa Señora do Bo Suceso.

Dal punto di vista geografico Fisterra è un esempio categorico di cosa sia un capo. Una lunga penisola che termina in un potente promontorio su cui venne costruito il faro nel 1853. Nel 1888 venne aggiunto un segnale acustico che, a causa della sua somiglianza con il verso dell’animale, divenne noto come la vaca di Fisterra.

Fisterra è un luogo di riferimento sulla Costa da Morte. La sua vasta tradizione marinara trova un grande esponente nel mercato, che ha uno spazio dedicato che consente ai visitatori di assistere alle aste per la vendita del pesce.

Da Fisterra a Corcubión

Uscendo dal villaggio, la baia di A Langosteira ospita l'omonima spiaggia, una lunga distesa sabbiosa con acque trasparenti che guarda da lontano il monte Pindo. Il passaggio attraverso Sardiñeiro offre panorami e accessi a nuove spiagge più piccole come Restrelo o Estorde.

Una deviazione ci porterà fino a A Redonda e al capo Cee, con splendide viste e dove si trova il faro noto come faro del capo C. . Dopo essere passati per il Castello do Cardeal, costruito nel XVII secolo, ci avviciniamo a Corcubión.

Corcubión e Cee

Corcubión merita una sosta per il suo curato Complesso storico-artistico (dichiarato nel 1985) in cui spiccano le case con galleria tipiche dei villaggi di pescatori.

La strada costeggia la costa verso Cee, che praticamente forma un continuum con Corcubión. Cee è la località principale della regione, in cui si concentrano attività e servizi. Nel centro dobbiamo prendere la deviazione verso O Ézaro (Dumbría).

Da Cee a Ézaro
Pindo

Il tour attraversa spiagge come Gures e offre una nuova prospettiva del punto di partenza, Capo Fisterra, che da lontano sembra riposare sull'oceano. L’imponente ammasso granitico di O Pindo compare di fronte alla strada, sempre più vicino.

O Ézaro è un piccolo nucleo agricolo e marinaio. Le sue spiagge dalle acque di un blu intenso convivono con due colossi, l' immensità di O Pindo e Capo Fisterra all'orizzonte. All'altezza del ponte di O Ézaro una nuova deviazione dirige il percorso verso la cascata del Xallas.

La foce del fiume Xallas è unica. Un fiume di medie dimensioni che si fonde con il mare senza toccarlo, cadendo da un'altezza di circa 100 metri attraverso le rocce granitiche. L'estuario ha una passerella per facilitare l'accesso alla cascata dal Centro de Interpretación de la Electricidad, l’ex Centrale di O Castrelo.

Salita al punto panoramico di O Ézaro
Ezaro

Il tratto finale è uno spettacolo. Il ripido sentiero sale fino al punto panoramico di O Ézaro alla ricerca di vasti panorami. Il luogo offre un'ampia vista panoramica: verso sud, il Pindo, con la sua successione di creste granitiche, verso ovest, in prima linea, la foce dello Xallas con la sua ultima ansa e in lontananza, il Capo Fisterra e l' immensità dell'Atlantico.

Da non perdere

Faro di Cabo C

Il Capo di Cee o Capo di Corcubión è una sporgenza rocciosa che delimita la baia di Corcubión a ovest e costituisce un importante punto di riferimento per la navigazione sia per il faro, sia per la sua posizione rispetto agli isolotti di Carrumeiro Chico e Carrumeiro Vello.

Nonostante le sue dimensioni ridotte e la bassa altitudine, la sua posizione offre viste ininterrotte sulla costa di Corcubión, Cee, Dumbría e Carnota e persino sul settore settentrionale delle Rías Baixas. La vicinanza al monte Pindo garantisce una diversa prospettiva di questo spazio referenziale.

Il faro di Cabo C è conosciuto da alcuni come faro di Cape Cee e da altri come faro di Cape Corcubión, così il curioso nome attuale sembra essere un buon patto di vicinato tra le due popolazioni. L'edificio è una semplice torre ottagonale in muratura con una piccola casa annessa, a pianta quadrata e a padiglione, per il servizio del faro. Approvato nel 1847, non entrò in funzione fino al 1860, e venne poi automatizzato nel 1934.

Arriba
Aiutaci a migliorare!