Visualizacion: intro
Plantilla: miradoiros

MARE INIFINITO

Dal faro di Corrubedo al monte Enxa... dune di Corrubedo, spiagge di Porto do Son
O faro de Corrubedo
co seu ollo largasío,
ai amor, púxome medo
Triadas no mar e na noite,  Fermín Bouza Brey

I dintorni di Corrubedo, famosa per la sua particolarissima duna, hanno molto da offrire. Una costa selvaggia, uno dei tratti costieri meglio conservati della Galizia con ampie spiagge, sistemi di dune e monti vicini da cui contemplare chilometri di pura bellezza atlantica.

Descarga a ruta
Capo e faro di Corrubedo

Il capo Corrubedo è una formazione rocciosa piatta che chiude a nord l'omonima insenatura. Un tratto di costa vicino alle tranquille Rías Baixas ma con un mare aperto feroce, che osserva la vastità dell’oceano da un lato e la rocciosa catena di O Barbanza dall'altro.

Il faro di Corrubedo resiste alle sfide del vento marino senza protezione, a terra. Torre cilindrica di muratura, la sua cupola bianca da lontano è possibile scambiarla con la schiuma di qualche grande onda appena arrivata. Circondato da isolotti e scogliere, il territorio di questa costa è molto pericoloso e rende essenziale la presenza del faro che a volte, nelle notti di nebbia, veniva confuso con quello dell'isola di Sálvora.

Verso Corrubedo

Partendo dal faro si snoda una lunga linea retta, una rarità per la costa galiziana. A nord la spiaggia frastagliata di Balieiros o Furna dos Portiños, invita agli sport del vento. Nella zona le spiagge sono grotte, "grandi cavità naturali aperte nelle rocce, scavate dall'azione del mare", un'evidente testimonianza del violento impeto delle onde su questa costa.

Corrubedo è una località tranquilla, con una temperatura piacevole in estate e ventosa in inverno. La sua insenatura non rappresenta una vera e propria ria, ma protegge a sufficienza le barche sulla vivace banchina. Le piccole case arrivano fino alla sabbia o è la sabbia ad arrivare alle case, a seconda del punto di vista. Si consiglia di perdersi nel labirinto di vicoli. Dal porto, un grande mantello bianco si erge nella media distanza: è la grande duna di Corrubedo.

Da Corrubedo al monte Tahume
Duna

L'itinerario che proponiamo passa accanto al Parco naturale del complesso di dune di Corrubedo e delle lagune de Carregal e Vixán, un luogo che merita una visita tranquilla e rispettosa per la sua estrema sensibilità ambientale.

Un incrocio conduce a Santa Clara de Novás, da dove ci avvicineremo al monte Tahume, uno dei grandi punti panoramici della costa galiziana.

Dal monte Tahume a Xuño

Ritornando all’itinerario, il Centro de Interpretación da las Lagunas de San Pedro y Xuño offre un luogo dove conoscere i fenomeni intercotidali. In questo punto la costa è costituita da una spiaggia ininterrotta che cambia nome: Areas Longas, Xuño, Furnas...

Prendeno una nuova strada nei pressi di Xuño ci troviamo in un'area più densamente occupata e dal territorio frammentato ra Caamaño e Tarela. Le vedute verso il mare contemplano in lontananza il monte Louro; ne parleremo in seguito.

Da Xuño a Porto do Son
Barona

Baroña è una tappa obbligata. La visita al castello consente di ammirare un insediamento costiero risalente tre il I secolo a.C. C. e il I d. C. situato in un piccolo istmo sulla spiaggia di Arealonga.

All'altezza della spiaggia di A Arnela la strada sembra mescolarsi con il mare. Il monte Louro appare all'orizzonte con il suo imponente profilo, che si ripresenta a ogni curva della strada.

Salita al monte Enxa

Prima di entrare nella città di Porto do Son, una deviazione ci porta alla fine del percorso: il monte Enxa (539 m). Uno straordinario punto panoramico naturale che ci offrirà ampie vedute sulla ria di Muros e Noia, chiuso a nord dal Monte Louro, con la sua inconfondibile morfologia.

Dal monte Enxa è possibile osservare i vari usi del suolo: roccia e boscaglia nelle immediate vicinanze; pascoli e silvicoltura a media distanza; urbanizzazione sulla fascia costiera dell'interno della ria... Ma soprattutto, è possibile ammirare un tratto affascinante della costa galiziana, tra la ria di Arousa e quella di Muros e Noia.

Da non perdere

Monte Tahume

Il Monte Tahume è un punto panoramico naturale privilegiato, situato nella parte finale della catena montuosa di O Barbanza, e che una forma e consistenza simili ad altre cime della catena.

Dai suoi 227 metri di altitudine è possibile scorgere tutta la linea costiera dalle Rías Baixas alla Costa da Morte. In primo piano, una vista integrale del Parco Naturale del Complesso di dune di Corrubedo e delle lagune di Carregal e Vixán, una splendida prospettiva del promontorio e del faro di Corrubedo e delle isole di Sálvora e Ons, ormai nella ria di Pontevedra.

Il sentiero asfaltato consente l'ascesa alla cima del monte, con un’area parcheggio accanto ad alcune antenne per le comunicazioni. I sentieri della parte alta della scogliera danno accesso a una croce che si trova nel punto più alto e dalla quale si gode di una vista splendida. L’ampiezza delle vedute consente di osservare bellissimi panorami da qualsiasi punto della salita.

Arriba
Aiutaci a migliorare!