Visualizacion: intro
Plantilla: miradoiros

VALES, RÍOS E MONTAÑAS

Da Avión al belvedere di Tres Rías... da O Suido a O Cando
Lambe orballiñas
e asubiar asubía
...asubía o vento
escoitade:
Suído.
Xosé Luis Santos Cabanas

Le montagne di O Suído e O Cando formano il settore meridionale della cosiddetta Dorsal Galega, un sistema montuoso che attraversa il centro della Galizia con una disposizione nord-sud. In una posizione privilegiata, a metà strada tra O Ribeiro e le Rías Baixas, queste montagne sorprendono per il loro paesaggio, per un patrimonio unico e per i contatti culturali con l'America, risultato dei processi migratori.

Descarga a ruta
Avión

Avión è un comune piccolo per dimensioni ma di grande importanza in Galizia. Storicamente la gente di queste valli tra le montagne cercò un futuro migliore nell'emigrazione, principalmente in Messico. La colonia galiziana dall'altra parte dell'Atlantico continua con i discendenti di coloro che partirono e oggi danno vita a un flusso culturale ed economico interessante che rende questa località un luogo unico, con influenze architettoniche, gastronomiche e persino linguistiche di origine americana.

Da Avión alla Serra do Suído
Emigracion

Partendo dalla piccola cittadina di Avión iniziamo il viaggio che ci porterà tra querce e villaggi, un paesaggio rappresentativo degli interni galiziani. Dopo una serie di deviazioni ad Abelenda, l'arrivo a Rodeiro segna l'inizio dell'ascesa alla Sierra de O Suído.

Il Coto dos Xarotos è un passo di montagna che supera i 1.000 metri. Si contraddistingue per i pendii ripidi, soprattutto nella sezione conosciuta come Outeiro Malato, con numerose curve a ferro di cavallo. Sulla vetta, il parco eolico segna il punto più alto della sierra.

Le peculiarità climatiche delle montagne di O Suído e O Cando si spiegano in ragione della loro posizione geografica, essendo la prima cordigliera che incontra i fronti atlantici che penetrano nelle rias e nelle valli fluviali fino a scontrarsi con queste pareti, trasformando la zona nell’area più piovosa della Galizia. Queste condizioni generano un habitat in cui predominano affioramenti rocciosi e macchia nelle aree di maggiore altitudine, pascoli e zone umide in pianura, boschetti e foreste autoctone sui pendii nonché numerosi corsi fluviali. In queste montagne nascono fiumi medi come l’Avia, il Boia, l’Oitavén o il Tea.

Scendendo da O Suido
Carballeira

Scendendo da O Suido attraverso le terre di A Lama l'arrivo alla cappella e al querceto di As Ermidas segna un cambiamento di rotta, dirigendoci ora a nord verso la Sierra de O Cando. Il susseguirsi di villaggi dall’architettura tradizionale ci conduce attraverso la valle del fiume Verdugo fino a A Barcia do Seixo.

Da qui, trattandosi di una strada sterrata, per salire bisogna fare attenzione. Il piccolo sforzo è ripagato da quello che troveremo in cima: la montagna magica.

Salita alla Sierra de O Cando

La Sierra de O Cando ha numerosi elementi di interesse ecologico, paesaggistico ed estetico, ma raggiunge la sia massima particolarità risiede nella forza tellurica del monte di O Seixo, una montagna considerata magica dalla tradizione locale. La croce di O Seixo presiede l'ingresso alla montagna. Da qui appaiono rocce con forme curiose e significati profondi: Portalén, con la sua forma di porta, apre un passaggio verso l'aldilà, permettendoci di entrare nel mondo dei morti. Questa porta si apre una volta all'anno, il 1 ° novembre, giorno dei morti. Si deve attraversare da nord a sud e soprattutto tornare al contrario poiché, secondo la leggenda, si corre il rischio di rimanere intrappolati nel mondo dei morti. Il Marco do Vento è un'enorme roccia granitica alta più di cinque metri, disposta come una pietra miliare, come un grande menhir. Il complesso megalitico caratterizza un paesaggio montano consumato da venti e acqua. La cappella di Santa Mariña, solitaria nel verde della cordigliera, rende sacro un luogo di culti remoti.

Da vari punti delle montagne è possibile godere di bellissime viste che, però, diventano veramente spettacolari punto panoramico delle Tres Rías, punto finale del nostro itinerario. Da qui tra mulini a vento e bestiame, è possibile scorgere in lontananza le rias di Arousa, Pontevedra e Vigo, e (nelle giornate limpide) persino il ponte Rande o le Isole Cíes.

Da non perdere

I chozos di O Suído

Nebbia e umidità fanno parte del fascino di O Suido, insieme alla tipica vegetazione montana e alla presenza di bestiame allo stato brado. La combinazione di elementi rende questo spazio un luogo molto rappresentativo delle montagne centrali della Galizia.

L'umidità degli altopiani garantisce la presenza di alpeggi, motivo per cui storicamente vi sono sempre stati pascoli estesi e bestiame.

Questo uso della montagna ha portato alla costruzione dei chozos, edifici semplici e generalmente piccoli con pareti a base di muratura in granito e tetti di ardesia. Offrivano riparo ai pastori e al bestiame, a cui erano destinate delle stanze. Anche i recinti di ardesia sono frequenti, che delimitavano lo spazio di pascolo di ogni famiglia, così come i “curros” e i "sesteiros" per ospitare il bestiame.

Arriba
Aiutaci a migliorare!